Come fare il pancake alto e soffice – Linee guida.

Come fare il pancake alto e soffice – Linee guida.

COME FAI A FARE I PANCAKES ALTI E SOFFICI?

Da quando ho aperto il mio profilo Instagram (più di un anno fa), mi è stata fatta questa domanda milioni e milioni di volte. Oggi attraverso questo articolo, ti spiegherò PASSO DOPO PASSO il procedimento per ottenere un pancake alto e soffice, come una vera e propria torta monoporzione. Spero di chiarire ogni tuo dubbio e di aiutarti nella realizzazione.

INIZIAMO SUBITO!

Per fare il pancake alto e soffice hai bisogno di tre semplici cose: una CASSERUOLA o uno SCALDA-LATTE, un coperchio e un lecca-pentole. 

Quando parlo di CASSERUOLA non intendo la classica padellina dai bordi bassi, spesso le due cose vengono confuse. Ma bensì di un utensile con il fondo piatto e i bordi alti, come puoi vedere dalla foto.

 

La casseruola Lagostina ha il manico estraibile e di conseguenza la si può utilizzare anche per la cottura in forno.

 
E’ importante utilizzare la casseruola perchè i bordi alti aiutano a far lievitare il pancake. 

La cosa importante è avere una casseruola ANTIADERENTE con il DOPPIO FONDO, per due motivi ben precisi:

1.    Il pancake non si attacca, quindi non è necessario ungerla con dell’olio extravergine. Ti consiglio di utilizzare quella in pietra o in alluminio rivestito.

2.      Non si brucia sul fondo. Spesso mi sento dire: Lo cuocio esattamente come dici tu, ma quando vado a girarlo è bruciato e rimane crudo all’interno. Ecco svelato il perchè.

Altra cosa fondamentale sono i cm del diametro, questo può variare in base alla quantità di farina e di albume che andrai ad utilizzare. Solitamente dai 50-60gr di farina in su si utilizza una casseruola o uno scalda-latte da 14-16cm di diametro. 

Meno impasto ⇒ Casseruola più piccola.

Oltre alla farina è importante anche la quantità di liquido che vai ad utilizzare. Se ad esempio unisci 90ml di albume a 60gr di farina e decidi di cuocerlo nella casseruola da 14cm di diametro, il risultato che otterrai non sarà un pancake alto. Nonostante i 60gr di farina, l’impasto risulterà poco. In questo caso dovresti utilizzare una casseruola da 12cm di diametro. 

SE FAI I PANCAKES CON 30-40GR DI FARINA E POCO ALBUME, TI CONSIGLIO DI OPTARE PER LA TORRETTA DI MINI PANCAKES. A meno che non utilizzi uno scalda latte da 10-12cm di diametro. Per ottenere un pancake alto occorrono dai 60 ai 90gr di farina con 110-150ml di albume, o quanto basta fino ad ottenere un impasto della giusta consistenza.

Se il tuo piano non ti permette di utilizzare molto albume, puoi raggiungere la giusta consistenza aggiungendo l’acqua o il latte vegetale.

 

Pancake delicato ..mela, limone e cocco.

 
Come deve essere l’impasto per rendere il pancake alto, soffice e ben lievitato?

L’impasto deve risultare corposo, ne troppo liquido e ne troppo denso. Per essere sicuro che hai raggiunto la giusta consistenza fai la prova del cucchiaio. Prendi un po di impasto e rovescialo all’interno del recipiente stesso, se scende in maniera uniforme e lineare significa che la consistenza è giusta. Inoltre se aggiungi anche una parte di latte vegetale, come ad esempio di soia, cocco o mandorle, otterrai sicuramente un pancake più soffice. 

Anche la farina che decidi di utilizzare è molto importante, ci sono alcune farine che tendono a rendere il pancake più soffice, mentre altre a renderlo più asciutto e duro. Fai delle prove, mischiando più farine insieme e sicuramente con il tempo riuscirai a capire quali sono quelle più giuste e in quali proporzioni vanno utilizzate.

E per quanto riguarda l’albume NON E’ NECESSARIO MONTARLO A NEVE. Io ad esempio non lo monto mai, però se tu vuoi provare ti consiglio di non montare più di 30-40ml di albume. Ne basta poco per dare più morbidezza all’impasto, ricordati però che va amalgamato poco alla volta mescolando sempre dal basso verso l’alto per non smontarlo. Altrimenti è del tutto inutile.

 

Pancake noccioloso alla banana e burro d’arachidi.

 
Un altro elemento importante è senz’altro la FRUTTA..

Essa aiuta nella lievitazione del pancake, io solitamente ne metto la stessa quantità o 10gr in più rispetto alla farina, perchè ho notato che se eccedo con la frutta il pancake non riesce a cuocere bene all’interno. 

Inoltre aiuta a rendere il pancake più dolce e gustoso senza il bisogno di aggiungere zuccheri oppure dolcificanti/aromi. Dona anche la giusta umidità per far si che non diventi troppo asciutto. Ti consiglio di provare ad aggiungere all’impasto la frutta frullata anzichè a pezzi, come ad esempio la mela, la pera o la banana, questo renderà il pancake maggiormente soffice.

 

Pancake con farina di amaranto e marmellata di fragole.

 
Cosa utilizzare per far lievitare il pancake?

 Ci sono due opzioni: il classico lievito per dolci oppure mezzo cucchiaino di bicarbonato con il succo di limone o l’aceto di mele. Ultimamente ho sentito parlare anche dell’idrolitina, ma non sò darti maggiori informazioni a riguardo perchè non l’ho mai utilizzata. Se sei curioso e la provi fammi sapere cosa ne pensi, sono sempre pronta alle novità.

Ho notato che se per sbaglio ottengo un impasto troppo liquido e vado ad utilizzare il bicarbonato con il limone o aceto di mele, una volta tolto il pancake dal fuoco si sgonfia. Mentre se in questo caso utilizzo il lievito per dolci nelle giuste dosi (leggi sempre le etichette), il pancake mi lievita bene senza complicazioni.

Quando invece, ho un impasto della giusta consistenza (come ho descritto in precedenza) non riscontro nessun tipo di problema con entrambi gli agenti lievitanti. Anzi, utilizzando il bicarbonato con il limone ottengo una maggiore lievitazione.

Quanto bicarbonato e quanto limone? Come funziona?

Solitamente metto mezzo cucchiaino di bicarbonato nell’impasto e dopodiché ci spremo sopra il succo di mezzo limone circa. Lascio agire il composto per qualche secondo ed infine mescolo l’impasto fino a far scomparire COMPLETAMENTE la schiuma bianca. In caso contrario il pancake una volta cotto, prenderà un sapore amaro e poco piacevole.

 

Pancake cocco e arancia con crema al cacao e nocciole.

 
Il coperchio si o no, quanto tempo devo cuocerlo?

ASSOLUTAMENTE SI, il coperchio è fondamentale per una buona riuscita. Una volta versato l’impasto all’interno della casseruola, devi abbassare la fiamma al minimo, chiudere con il coperchio e lasciar cuocere finché la SUPERFICIE NON SI SARA’ RAPPRESA DEL TUTTO. Una volta girato il pancake dall’altro lato, richiudi con il coperchio e finisci di cuocerlo per 1-2 minuti. Attento a non oltrepassare con il tempo di cottura, altrimenti il pancake risulterà più duro. 

Quindi in conclusione ti dico che NON c’è un tempo standard per la cottura. Può variare in base alla quantità e alla consistenza dell’impasto, a quanta frutta c’è all’interno e alla grandezza della casseruola. Prima di girarlo ASSICURATI SEMPRE, come ti ho appena detto, che la superficie si sia rappresa.

 

Pancake al mandarino, cioccolato fondente e pistacchi.

 

Con che cosa lo giro?

Questa è un’altra domanda che ho ricevuto spesso. Io mi aiuto con un semplice LECCA-PENTOLE con la spatola di gomma, basta alzarlo lateralmente e girarlo. Utilizzando una casseruola ANTIADERENTE ti risulterà facile perché il pancake si staccherà da solo. 

 

 

Pancake cialda e cioccolato bianco con pera e limone.

 
Come, dove e per quanti giorni conservare il pancake?

Su questo argomento ci sono varie opinioni e idee a riguardo. Il mio consiglio è quello di far raffreddare SEMPRE a temperatura ambiente il pancake prima di avvolgerlo con della pellicola trasparente o con della carta stagnola, per evitare che crei condensa e possibili muffe. Il pancake ha bisogno di respirare, lascialo raffreddare sopra ad una griglia così da far circolare tutta l’aria e togliere l’umidità.  

Una volta che è ben raffreddato puoi conservarlo come meglio desideri, anche all’interno di un contenitore ermetico a temperatura ambiente oppure in frigorifero. Se invece lo farcisci con lo yogurt o la marmellata, assicurati di conservalo solo all’interno del frigorifero. 

I pancakes durano dai 3 ai 4 giorni se conservati in frigorifero, ovviamente la consistenza con il passare dei giorni non rimarrà soffice.

 Posso congelarlo? se ti stai facendo questa domanda la mia risposta è SI! Basta passarlo dal freezer al frigorifero la sera prima per la mattina seguente.

 

 Pancake ciocco banana.

 

A parte gli scherzi.. siamo arrivati alla fine di questo articolo. Spero di averti chiarito qualsiasi dubbio e di averti detto passo dopo passo tutti i procedimenti. Se hai altre domande da farmi, SCRIVIMI! Ti aspetto sulle mie pagine social: Facebook ed Instagram.

Questo articolo rimarrà sempre aperto a possibili modifiche e curiosità in più.

Infine ti lascio qui il link diretto dove puoi trovare tutti i miei pancakes alti e soffici: Ricette.

 

ADESSO NON HAI PIÙ SCUSE, METTI IN PRATICA QUELLO CHE HAI APPENA LETTO E PREPARATI UN BEL PANCAKE ALTO E SOFFICE PER LA COLAZIONE DI DOMANI MATTINA.

 

Se ti fa piacere taggami nelle tue foto e fammi sapere se questo articolo ti è stato utile.

A PRESTO!

Delicious Breakfast

 

Ricette dei pancakes in copertina:

 



22 thoughts on “Come fare il pancake alto e soffice – Linee guida.”

  • Super….stasera proviamo subito nonvedo l’ora adoro i tuoi pancacke e le tue foto fanno venire l’acquolina in bocca a qualsiasi ora della giornata. Ecco perchè a me si sgonfiano sempre …impasto tropp oliquido troppo albume probabilmente e poi mettevo il bicarbonato ..invece porvero’ a fare un impasto piu’ proporzionato (60-90 gr e farina e 110-150 ml di albume ) o se liquido usare il lievitoper dolci…:)…sei stata esaustiva ora non rimane che provare i tuoi consigli..anche perchè a casa mia ne vanno matti tutti e devo farne sempre una quantità almeno doppia..il quel caso cosa mi consigli fare due impasti o un unico impasto e poi dividerlo al momento della cottura?..scusa se sono sata logorroica…grazie 1000

    • Grazie mille! Fai pure un unico impasto e poi lo dividi al momento della cottura. Oppure potresti fare un unico pancake e tagliarlo appena si raffredda! 🙂

      • Grazieee mille doppie..! Stamattina sveglia alel 5 ed ho voluto provare uno dei tuoi pancake con i tuoi consigli rivisitando alcuni ingredienti ovviamente con quello che avevo a casa la’ltezza è rimasta bassina (devo fare ancora pratica ma il gusto era eccezionale e sopratutto morbidissimo e allo stesso tempo friabile…bè me lo sono divorato ne ho lascaito un pezzettino al mio compagno e lo ha adorato..mi ha .fatto mille complimenti…graziee mille se non ti da noia ti taggo nella foto su IG…continua ad insegnare a noi profane e con poca inventiva i tuoi segreti …a presto

        • Francesca, mi fa un sacco piacere! Vedrai che piano piano ti verranno sempre meglio? Certo che puoi taggarmiii? comunque se ti torna meglio puoi farlo la sera prima e lasciarlo a temperatura ambiente, oppure in frigorifero. A me freddo piace di piu? soprattutto adesso che è arrivato il caldo.. un abbraccio! A presto?

  • Per le mie dosi l’impasto mi sembra sempre troppo poco e troppo liquido ?
    Ho 50 g di avena e 150 ml di albume e non posso aggiungere nient’altro oltre la frutta e il burro di arachidi…
    Mi potresti dare un consiglio? Le proporzioni giuste tra farina di avena e albume quali sono per un impasto ottimale?

    • Io solitamente per 50gr di farina metto 80ml di albume.. altrimenti puoi provare con 150 e vedere come esce fuori! In questo caso ti consiglio di utilizzare il lievito anziché il bicarbonato. ☺️

    • Grazie mille☺️ la farina che vuoi.. io utilizzo Sempre quella di avena integrale come base e poi mi sbizzarrisco con le altre. Mischio sempre più farine in un pancake! Riso, Quinoa, orzo, teff, amaranto, castagne, sorgo, grano saraceno, soia, miglio e via dicendo.. non utilizzo mai la farina bianca☺️ Comunque trovi tante ricette se vuoi farti un’idea?

  • Ciao ottimo articolo,
    Una domanda
    Come ti regoli con il rapporto frutta /albume? Quando aggiungi 50gr di frutta ne togli 50 di albume?
    Grazie

  • Sono alle prime armi con i pancakes… Perché se uso la farina d’avena non lievita più? Con la farina integrale invece mi viene bello soffice! Tieni presente che io uso l’uovo intero perché mi piace di più 😜

  • Ciao! A me durante la cottura si alza al centro, non capisco come mai.. poi lo giro, e si cuoce troppo dove si è alzato e ai lati rimane bianco, che ho combinato di sbagliato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Scroll Up