Cannoli Siciliani al forno sani e friabili 2.0 – Senza zucchero & burro.

12 novembre 2018

Cannoli Siciliani al forno sani e friabili 2.0 – Senza zucchero & burro.

0 Comments  /  Vai diretto alla ricetta

Cannoli Siciliani al forno sani & friabili – Senza zucchero & burro.

Sicuramente in una vita precedente ero un’assaggiatrice di dolci in giro per il mondo, con base al sud: Sicilia e Campania. Sono talmente innamorata di queste due regioni, che se fosse per me mi trasferirei all’istante. I cannoli… e chi se li scorda più? mangiati in via Etnea a Catania da Savia, la pasticceria più famosa e antica della città. Una delle cose più buone -insieme alla granita & brioche- che abbia mai mangiato. La mia vacanza a Catania è stata un’esperienza culinaria difficile da dimenticare, in positivo -ovviamente-. Oggi sono qui per proporti la versione rivisitata dei Cannoli Siciliani al forno sani e friabili, senza zucchero e burro come tutte le mie ricette. Non è una novità da #ColazionedaDelicious, infatti esattamente due anni fa feci i miei primi cannoli siciliani al forno (cannoli fit al limone, pistacchi e cacao crudo), più leggeri e semplici rispetto a quest’ultima versione del 2018, ma niente a che vedere al livello di gusto e sapore, quelli che ti propongo oggi sono decisamente più buoni.

cannoli siciliani al forno

I cannoli siciliani sono un dolce tipico della pasticceria italiana, riconosciuti ed inseriti nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. In poche e semplici parole: SONO PATRIMONIO DELL’UMANITÀ da quanto sono buoni -a mio avviso- e se non li hai ancora assaggiati, ti consiglio di non perderti in ulteriori chiacchiere, rimedia subito e recupera il tempo perduto. Però attenzione, c’è cannolo e cannolo, pensa che inizialmente non mi piacevano per niente, purtroppo per sentire la sua vera bontà devi andare in Sicilia, oppure ti consiglio di rivolgerti a pasticcerie che conoscono e trattano il prodotto in maniera eccellente. Ma tornando a noi, alla storia dei cannoli siciliani, voglio lasciarti qualche informazione in più.

In origine venivano preparati in occasione del carnevale, col passare del tempo ha perso il suo carattere di occasionalità ed ha conosciuto una notevole diffusione sul territorio nazionale, divenendo un rinomato esempio dell’arte pasticcera italiana nel mondo.

Si narra che furono per prime le donne dell’Harem del Castello delle donne del signore le inventrici della ricetta. In questo luogo, secondo la tradizione, gli emiri saraceni tenevano i propri harem e fu qui che le concubine lo crearono per prime, forse come omaggio ai propri uomini. Queste donne pare si fossero ispirate ad un dolce di origine romana, di cui già parlava Cicerone, che lo descrive come consistente in un tubo farinaceo ripieno di un dolcissimo cibo a base di latte.

Le donne di questo harem, durante le lunghe assenze dei propri consorti, per ingannare l’attesa, si dedicavano alla preparazione di cibi e dolci elaborati. Queste avrebbero dunque modificato un dolce arabo già esistente, fatto di ricotta, mandorle e miele, rielaborandolo con la ricetta romana citata da Cicerone e dando così vita ad una specialità che sarebbe poi divenuta universalmente nota. Successivamente con la fine del dominio arabo in Sicilia gli harem scomparvero e non è da escludere che qualcuna delle favorite, convertita alla fede cristiana, si sia ritirata nei monasteri, portando con sé le ricette che avevano elaborato per le corti degli emiri. Quindi secondo la tradizione fu proprio quella del cannolo siciliano una delle ricette tramandate dalle donne musulmane alle consorelle cristiane, che lo iniziarono a produrre inizialmente durante il periodo carnevalesco, per poi diventare di uso e produzione durante tutto l’anno.

Fonte: wikipedia.org

Il vero cannolo siciliano viene fritto ed ha un ripieno di ricotta di pecora o vaccina, che viene setacciata e zuccherata. Dopodichè si aggiungono canditi, pistacchi e gocce di cioccolata. Esso viene riempito sul momento, perchè con il passare del tempo, l’umidità della ricotta viene assorbita dalla cialda facendole perdere la sua croccantezza. Per evitare questo, è consigliabile rivestire l’interno della cialda con uno strato sottile di cioccolato fuso, così facendo l’involucro rimarrà croccante per più tempo.

La mia versione dei cannoli siciliani al forno è decisamente più light e sana rispetto all’originale. Infatti partendo dalla cottura, per poi passare al ripieno fatto di ricotta vaccina light, yogurt greco 0%, scorza di limone e vaniglia, noterai che la ricetta è completamente diversa. I miei non voglio essere paragonati ai veri cannoli, ma bensì una valida alternativa per soddisfare le voglie quotidiane con gusto e salute.

Per la cialda ho utilizzato la mia pasta frolla d’avena integrale, utilizzando la farina d’avena neutra integrale anzichè quella istantanea aromatizzata. In più ho aggiungo i semi di mezza bacca di vaniglia e abbondante scorza di limone. Ho dolcificato con il miele d’acacia, che puoi aumentare o diminuire in base ai tuoi gusti.

Cannoli Siciliani al forno 2.0 - Senza zucchero e burro

12 novembre 2018
: 10 Cannoli di medie dimensioni
: Media

By:

Ingredients
  • 1 Panetto di pasta frolla a base di farina d'avena e grano tenero integrale - Link diretto alla ricetta infondo all'articolo e prima dello shortcode.
  • Mezza bacca di vaniglia
  • Scorza grattugiata di un limone non trattato
  • 150gr di Ricotta light vaccina
  • 150gr di Yogurt greco 0% - (oppure 300gr totali di ricotta)
  • Essenza o flavdrops alla vaniglia
  • Grannella di pistacchi
  • Gocce di cioccolato o cacao crudo (come nel mio caso)
  • Farina di cocco o zucchero a velo - Facoltativo
Directions
  • Step 1 Preparare la pasta frolla integrale e lasciarla riposare in frigorifero per 20 minuti circa, avvolta nella pellicola trasparente. Se non hai la farina d’avena aromatizzata, puoi fare come me. Io ho utilizzato la farina d’avena neutra integrale ed ho aggiungo i semi di mezza bacca di vaniglia con tanta scorza grattugiata di limone. Ho dolcificato la frolla con del miele d’acacia, che come ti ho scritto qualche riga più su, puoi aumentare o diminuire in base ai tuoi gusti.
  • Step 2 Preriscaldare il forno a 160* ventilato. Stendere la pasta frolla con il mattarello, ricavare dei cerchi (io mi sono aiutata con una tazza, ma anche un bicchiere va benissimo), avvolgere la pasta frolla negli stampi appositi per cannoli in alluminio ed infornare fino a doratura. Dopo circa 8-10 minuti consiglio di monitorare la cottura.
  • Step 3 Se non si dispone degli appositi stampi, si può utilizzare la carta forno o del cartoncino. Formare dei cerchi, dare la forma del cannolo e spillare le due stremità. Dopodichè procedere esattamente come se fossero gli stampi in alluminio.
  • Step 4 Nel frattempo unire la ricotta light allo yogurt greco 0%, la scorza grattugiata di limone e qualche goccia di flavdrops alla vaniglia (puoi utilizzare anche i semi o l’essenza).
  • Step 5 Una volta pronti lasciarli raffreddare completamente e con l’aiuto di una siringa da cucina, farcirli sul momento. Decorare con granella di pistacchi, gocce di cioccolato e una spolverata di farina di cocco setacciata, oppure zucchero a velo.
  • Step 6 Se li prepari il giorno prima, ti consiglio di preparare il ripieno e lasciarlo in frigorifero per tutta la notte, mentre le cialde a temperatura ambiente. SI FARCISCONO POCO PRIMA DI MANGIARLI, altrimenti l’umidità del ripieno viene assorbita dalla cialda e perde di croccantezza. Per evitare questo inconveniente ti rimando a leggere l’articolo.

Pasta frolla integrale senza zucchero e burro con farina d’avena: ecco la mia ricetta.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Scroll Up